Edilizia

Il made in Italy traina l’avanguardia green in Europa

L'arredo si fa verde! Oggi hai a disposizione moltissime soluzioni che ti consentono di portare vegetazione stabilizzata all'interno e all'esterno della tua abitazione, per soluzioni d'avanguardia stilistica e funzionale.

Come quelle offerte da https://www.greenhabitat.it, soluzioni disegnate, progettate e realizzate in Italia che possono davvero fare la differenza in ogni tipo di contesto.

Il verde stabilizzato made in Italy

Il verde stabilizzato è la vera novità del momento, una novità che però non è moda, ma che è destinata a rimanere come punto fermo dell'abitare nel benessere.

Chiarimenti normativi a cura di ANIT: raccomandazione UE 2016/1318, diagnosi energetiche nelle PM

1. Raccomandazione UE 2016/1318 per gli edifici a energia quasi zero

Con la Raccomandazione UE 2016/1318 la Commissione Europea invita gli stati membri a fare il punto sulle politiche messe in atto per realizzare l’obiettivo di avere, nel 2020, tutti i nuovi edifici ad energia quasi zero. In particolare sollecita a fissare obiettivi chiari sui fabbisogni (fornendo anche valori indicativi per le varie zone d’Europa e per tipologia di edificio) e ad istituire controlli sul raggiungimento degli obiettivi. Infine, sottolinea con forza l’importanza di mettere in atto politiche volte ad intervenire sul patrimonio edilizio esistente per renderlo ad energia quasi zero.

LINK Documento: http://www.anit.it/wp-content/uploads/2016/08/Raccomandazione-UE-2016-1318-della-Commissione-Europea.pdf

Chiarimenti normativi a cura di ANIT: Tecnici Competenti in Acustica, conto termico, risorse riqualificazione

1. Regione Lombardia: introdotte nuove regole per i TCA (Tecnici Competenti In Acustica)

A seguito della pubblicazione del Dlgs 42/2017 la Regione Lombardia, nel B.U.R.L. Serie Ordinaria n° 17 del 27 aprile, individua le regole per la presentazione, da parte dei tecnici competenti in acustica già riconosciuti dalla Regione, delle istanze per l’inserimento nell’elenco nazionale.
Inoltre istituisce l’elenco dei membri di indicazione regionale per le commissioni d’esame dei corsi in acustica e definisce le modalità per essere inseriti in tale elenco.
Link estratto del BURL: http://www.anit.it/wp-content/uploads/2017/05/estratto-BURL-n17-27-04-2017.pdf
Link intero BURL: http://www.consultazioniburl.servizirl.it/ConsultazioneBurl/
Link approfondimento ANIT sui TCA: http://www.anit.it/pubblicazione/tecnico-competente-acustica-facciamo-chiarezza/

Disegnare gli arredi: tutte le fasi

La forma dei complementi d’arredo influenza le nostre emozioni? Secondo l’attuale letteratura scientifica sul tema, il design è un veicolo di profonde reazioni da parte dell’uomo. Emozioni come lo stupore, la sorpresa, la soddisfazione, la perplessità, ecc nell’ambito del product design seguono di solito la dicotomia linee rette/linee curve. Studi dimostrano che gli arredi dalle forme morbide trasmettono emozioni positive rispetto alle linee più rigide.
Questo forte legame tra il disegno di prodotto e l’intelligenza emozionale dunque ha, o dovrebbe avere, un ruolo importante in tutto il processo di product design, l’arte di creare un pezzo di arredamento da zero.

La produzione d’arredo nasce da un’idea che, mixata con tecnologia e creatività, si trasforma in un nuovo prodotto da immettere sul mercato.
L’arredamento che compriamo è l’ultimo step di un lungo processo che inizia da un input da parte di un’azienda, un design, da un architetto o da un contractor, passa attraverso degli schizzi fatti a mano, modelli virtuali, prototipi e termina con l’industrializzazione di prodotto.

Chiarimenti normativi a cura di ANIT

1. REGIONE LOMBARDIA: IMPIANTI TERMICI

Con il decreto n. 11785 del 23-12-2015 sono state approvate le disposizioni operative per l’esercizio, la manutenzione, il controllo e ispezione degli impianti termici, in attuazione delle delibere di Giunta regionale n . X/3965 del 31-07-2015 e n. X/4427 del 30.11.2015.

Il presente provvedimento sostituisce le disposizioni approvate in precedenza con il decreto n. 5027 dell’11-06-2014.

Nuovo modello organizzativo per il ministero dei Beni Culturali e del Turismo

Il ministro Dario Franceschini ha presentato il nuovo modello organizzativo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Ammodernamento della struttura centrale e semplificazione di quella periferica sono le linee guida del cambiamento. Un'apposita direzione generale si occuperà di "Arte e architettura contemporanee e periferie urbane", avrà il compito di promuovere il contemporaneo partecipando direttamente all'ideazione di opere pubbliche, anche fornendo indicazioni per la loro progettazione. E tra i compiti della struttura anche la riqualificazione ed il recupero delle periferie urbane. Nel rispetto della distribuzione territoriale, sono inoltreaccorpate le Soprintendenze per i beni storico-artistici con quelle per i beni architettonici.

Bonus ristrutturazione edilizia: cosa è, chi può chiederlo, per quali beni, adempimenti

Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d’imposta Irpef pari al 36%. Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014, la detrazione Irpef sale al 50%, passando al 40% per il periodo 1º gennaio 2015 - 31 dicembre 2015.
Il decreto legge 63 del 4 giugno 2013 prima e la legge di stabilità per il 2014 poi hanno riconosciuto una detrazione del 50% anche sulle ulteriori spese sostenute, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica, finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione. La detrazione va ripartita in 10 quote annuali di pari importo, ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro.

Iniziati i lavori per la ridefinizione del sistema estimativo del catasto dei fabbricati

Il Governo ha un anno di tempo per mettere a punto la riforma del catasto. Entra in vigore la legge delega per la riforma fiscale, contenente i principi all'interno dei quali dovrà essere ridefinito il sistema estimativo del catasto dei fabbricati. La legge concede infatti all'Esecutivo un anno di tempo dalla sua entrata in vigore per formulare decreti legislativi ad hoc.
Intanto il direttore generale dell'Agenzia delle Entrate ha annunciato nel corso di un'audizione parlamentare che i lavori sono iniziati: «Stiamo già partendo sulla riforma del catasto prevista dalla legge delega e abbiamo già costituito un gruppo di lavoro in itinere della legge delega che sta dando i primissimi risultati» ha affermato Attilio Befera.

È possibile conoscere le informazioni catastali degli immobili online gratuitamente

I contribuenti potranno conoscere tutte le informazioni sui propri immobili tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. Attraverso i canali Entratel e Fisconline è possibile ora consultare gratuitamente le banche dati ipotecaria e catastale e verificare, ad esempio, la planimetria o la rendita, la classe e la categoria catastale.
Questo nuovo servizio è previsto dal provvedimento del direttore dell’Agenzia dello scorso 4 marzo.

Semplificazioni procedure edilizie: modelli unici per permesso di costruire e SCIA

«Una tettoia in legno di circa 30 mq è costata circa 5.000 euro di spese tecniche e 8.000 di materiale e lavoro. E sono occorsi circa 15 mesi per ottenere tutti i relativi pareri». È solo una delle testimonianze raccolte dalla consultazione telematica sulle "100 procedure più complicate da semplificare" lanciata lo scorso ottobre dal Ministero per la Semplificazione e la PA. Sulla stessa linea del professionista campano, molti altri contributi, che lamentavano «la complessità e i tempi lunghi delle procedure per il rilascio dei titoli abilitativi per l'attività edilizia, dovuti ai numerosi pareri necessari e ai troppi enti coinvolti». Tra le complicazioni burocratiche venivano segnalate, inoltre, la diversità delle procedure tra un Comune e l'altro e la normativa poco chiara.
Il Governo ha varato un pacchetto di provvedimenti per tentare di mettere mano alla semplificazione. Come abbiamo imparato dai decreti Semplificazione e Semplificazione bis, tris, e dagli altri a seguire, gli interventi legislativi consistono in piccole modifiche apportate qua e là, alcune anche giustissime, ma mai un intervento sistematico e coraggioso per avviare una vera riforma degli iter di autorizzazione.

Seguici su Facebook